Parco Nazionale del Pollino



Il Pollino. Il più grande Parco Nazionale d'Italia

parco del pollino

Il Parco Nazionale del Pollino , uno dei più recenti parchi nazionali (istituito nel 1993) è il più vasto d'Italia, estendendosi per circa 200.000 ettari ripartiti a metà tra Basilicata e Calabria. 

Comprende il territorio di 56 comuni (di cui 24 in Basilicata) con una popolazione di circa 172.000 abitanti e la sede centrale è a Rotonda, in provincia di Potenza. 

Simbolo del Parco è il Pino loricato  che vive abbarbicato ai pendii più impervi. 

 Il versante calabro è ripido e roccioso con canyon molto suggestivi tra i più imponenti d'Italia; la parte lucana è senza soluzione di continuità un bellissimo alternarsi di altopiani erbosi e foreste. 

Il parco è costituito dal Massiccio del Pollino che comprende molte vette di cui cinque al  di sopra dei 2.000 metri; le più alte sono la Serra Dolcedorme (mt. 2.267) e il Monte Pollino (mt. 2.248).  

Le "porte" di accesso del Parco

località
distanza da Maratea
tempo
accesso a:
Terranova del Pollino (PZ)
110 km
2h
Serra del Crispo, Bosco Rubbio
Rotonda  (Pz)
60 km
1h15
Piano del Pollino, Serra del Prete, Monte Pollino
San Lorenzo Bellizzi (Cs)
130 km
2h30
Gole del Raganello 
Mormanno (Cs) 
65 km
1h15
Riserve Naturali del Fiume Lao e del Fiume Argentino 
L'ENTE PARCO ha sede a Rotonda , con telefono 0973 669311

http://parcopollino.gov.it

I centri visita sono a Chiaromonte, Francavilla sul Sinni, Rotonda, San Paolo Albanese, Terranova del Pollino e Viggianello. 

BOSCHI E BRIGANTI

Terra di brigantaggio e territorio di un'importante industria boschiva che a cavallo tra '800 e '900 conosce il suo massimo fulgore, il Pollino è una montagna "sacra" , che conserva cioè ancora le tradizioni di una antica cultura agricola e pastorale, che si evidenzia specialmente con la festa della Madonna del Pollino a cui partecipano ogni anno più di 20.000 persone.  

La ricchezza culturale è espressa inoltre anche dalla comunità albanese presente con quasi 5.000 abitanti in 9 comuni del Parco, che ha mantenuto nei secoli tradizione , usi e costumi della patria di origine.

Percorsi consigliati

BOSCO RUBBIO POLLINO

BOSCO RUBBIO  ( accesso: Terranova del Pollino)


Bosco Magnano: si raggiunge dalla strada che va a San Severino Lucano, ed è una splendida foresta di faggi e cerri, bagnata  dal fiume Peschiera.


Piano di Ruggio: si raggiunge da Rotonda, Viggianello o Campo Tenese e offre il più bello spettacolo di altopiano erboso del Pollino. 

Attraverso un  piccolo sentiero si giunge al belvedere di Malvento con i suoi famosi Pini Loricati.


Monte Pollino: si raggiunge dopo un passeggiata a piedi in salita che inizia dal Colle dell'Impiso, sulla strada che porta da Viggianello e San Severino al Piano di Ruggio. Dà il nome a tutto il Parco.


Grande Porta del Pollino: il percorso a piedi inizia da Terranova o da San Severino, passa dalla sorgente Pittacure e dal Piano Jannace, e  porta ad un spettacolare valico che offre la vista dei più bei Pini Loricati del Parco.


torna alla ESCURSIONI DA MARATEA